Tipologie di vagine: sono tutte uguali? Quali sono le differenze?

Avete mai pensato a quante forme e tipologie di vagina esistono? Nell’immaginario popolare la vagina assume un classico e inconfondibile aspetto, spesso universale. Nello specifico invece ogni vagina presenta forme uniche e differenti, catalogabili in diverse denominazioni. Quali sono le differenze principali da vagina a vagina? Andiamo ad approfondire l’argomento nel corso dei prossimi paragrafi.

Forme e tipologie di vagina

Secondo la maggior parte delle credenze popolari la vagina assume un’unica forma estetica universale per tutte le donne. In realtà, fatta eccezione per le parti anatomiche vere e proprie e invariabili, la vagina muta di aspetto e forma a seconda dei singoli casi. Nel complesso si possono quindi suddividere e distinguere ben cinque differenti tipologie di vagine. Secondo diversi studi inoltre, le differenti tipologie di vagina, vanno ad influenzare anche il modo in cui una donna si dimostra in grado di raggiungere l’orgasmo durante la masturbazione e il rapporto sessuale, in stretta correlazione anche alle dimensioni dell’apertura vaginale stessa.

Vagina a Barbie

Una delle tipologie più classiche, ma allo stesso tempo rare, è rappresentata dalla vagina a Barbie in riferimento alla famosa bambola e alle sue parti intime. Nell’immaginario comune la vagina a forma di Barbie rasenta la perfezione assoluta, nonostante l’assenza di una parte intima vera e propria in riferimento alla bambola più amata di sempre. La vagina a forma di Barbie si presenta piuttosto piatta, in assenza delle sporgenze dovute alle piccole e alle grandi labbra. Proprio per questo motivo la tipologia appena descritta è piuttosto rara da trovare.

Vagina a tenda

La vagina a tenda presenta l’estensione delle piccole labbra all’esterno rispetto alle grandi labbra. Per questo motivo, in richiamo alle tende di casa, questa tipologia di vagina è caratterizzata dalla presenza a penzoloni delle piccole labbra, visibili soprattutto in posizione eretta. Secondo le stime la vagina a tenda si presenta come la più diffusa all’interno della popolazione femminile. 

Vagina a sbuffo

Al contrario della vagina a tenda la tipologia a sbuffo è caratterizzata dalla presenza delle piccole labbra racchiuse all’interno di quelle più grandi. In questo caso però la forma e le dimensioni delle labbra più grandi appaiono ‘gonfie’ alla vista. Erroneamente la vagina a sbuffo viene spesso associata alle donne in età avanzata, mentre in realtà si tratta di una vera e propria conformazione fisica.

Vagina a ferro di cavallo

Tra le altre forme e tipologie di vagina più diffuse all’interno della popolazione femminile si trova anche la vagina a ferro di cavallo. In questo caso la parte superiore della vagina tende a rimanere più aperta rispetto alla parte inferiore. Esteticamente questa forma ricorda molto quella del ferro di un cavallo.

Vagina a tulipano

La vagina a tulipano viene così denominata per via del suo aspetto estetico, del tutto simile a quello prossimo alla fioritura. In questo caso le piccole labbra tendono a sporgere leggermente all’esterno per l’intera lunghezza delle grandi labbra. Nonostante la sporgenza le piccole labbra appaiono comunque trattenute all’interno di quelle grandi, dando origine alla forma tipica di un tulipano in fiore.