Piercing alla vagina: quali sono i rischi? Tipologie, chi li esegue e prezzi

Piercing alla vagina: quali sono i rischi? Tipologie, chi li esegue e prezzi

Quando si pensa al piercing alla vagina, nella maggior parte dei casi, è normale associare alla pratica il clitoride. In realtà esistono diverse tipologie di piercing in questa zona erogena femminile. I piercing nelle parti intime riescono ad aggiungere alla trasgressione una particolare sensazione di piacere. Oltre al lato affascinante della pratica è importante cercare di valutare anche i possibili rischi e a quali professionisti rivolgersi.

Il piercing alla vagina ha riscosso moltissime adesioni nel corso di questi ultimi anni. Per alcune persone si tratta di una vera e propria forma d’arte sensuale, mentre per altri di una pazzia nel senso letterale del termine. La tendenza, tra le più controverse di quest’epoca, si presenta innanzitutto estetica prima ancora che come un accessorio di piacere.

Proprio come la maggior parte dei piercing tradizionali al naso, alla lingua, oppure alle orecchie, anche quello alla vagina viene eseguito in modo praticamente simile. Oltre al fattore estetico dietro al piercing alla vagina si cela spesso un desiderio di maggiore autonomia e indipendenza sessuale. Ma quante tipologie di piercing vaginali esistono?

Piercing del cappuccio al clitoride verticale

Il piercing più comune alla vagina è rappresentato da quello eseguito al cappuccio al clitoride verticale. Questa parte del corpo presenta un tempo di guarigione piuttosto veloce rispetto ad altre aree genitali. Oltre all’impatto estetico il piercing al clitoride promette di ampliare la stimolazione del clitoride durante un rapporto sessuale, oppure durante la masturbazione.

Similmente al piercing all’ombelico anche quello al clitoride viene eseguito tramite una barra di acciaio chirurgico, applicato al di sotto della zona erogena, nella parte della pelle sottostante. Utilizzando questa tipologia di piercing una delle due palline a chiusura rimane visibile ad occhio nudo, mentre l’altra viene posizionata al di sopra del clitoride.

In realtà, il rischio di gravi effetti collaterali, si dimostra fortunatamente raro quando si esegue un piercing al clitoride. Se eseguito presso uno studio professionistico, il piercing al clitoride non comporta alcun rischio di infezione e perdita della sensibilità.

Piercing alle grandi labbra

Un’alternativa del classico piercing al cappuccio del clitoride in verticale è rappresentato da quello alle grandi labbra. In questa parte, a seconda delle differenti dimensioni, si rende possibile praticare uno o più fori, personalizzando il piercing come un gioiello seppur celato nella parte femminile più intima. Tra i piercing più scelti alle grandi labbra si trova il classico cerchietto, molto più comodo e pratico. Anche in questo caso il piercing si rivela piuttosto sicuro e privo di rischi.

Piercing alle piccole labbra

Il piercing alle piccole labbra rappresenta una delle decisioni più impegnative rispetto alle versioni precedenti. Nonostante la pratica non risulti particolarmente dolorosa il piercing alle piccole labbra presenta diverse insidie, soprattutto dal punto di vista dell’igiene e della difficoltà durante i rapporti sessuali.

A chi affidarsi per eseguire un piercing vaginale

Il piercing alla vagina può essere eseguito senza rischi per la salute e la sensibilità di questa parte delicata del corpo presso una delle strutture specializzate. Il personale specializzato è tenuto a presentare un documento precompilato, per l’inserimento dei dati personali e dell’autorizzazione al trattamento. Tra i requisiti necessari è fondamentale possedere la maggiore età. Ogni attrezzo deve essere preventivamente sterilizzato secondo le norme igieniche, così come l’intera stanza di lavoro.

Costi e norme igieniche di pulizia quotidiana

I costi medi di un piercing alla vagina si aggirano sui 70/75 dollari a seconda dei vari tariffari. L’igiene personale deve essere praticata con minuziosità data la parte delicata, mantenendo il piercing sempre pulito anche successivamente ai rapporti sessuali. Durante il ciclo mestruale la pulizia del piercing e dell’area vaginale deve essere effettuata in modo più frequente.