Orgasmo celebrale ‘ASRM’: cos’è, cosa significa e come raggiungerlo

Quante tipologie di orgasmo siamo abituati a conoscere oltre al classico raggiungimento del piacere femminile e maschile? L’orgasmo celebrale viene identificato come ASRM, ‘Autonomous sensory meridian response’, particolarmente discusso e chiacchierato sul web ma ancora poco conosciuto nella realtà.

Si tratta di una forma di orgasmo differente dal comune piacere fisico e si concentra soprattutto sul piacere psichico, ovvero ‘celebrale’. Meglio identificato come l’orgasmo del ‘cervello’ la versione celebrale presenta caratteristiche e peculiarità tutte da verificare e scoprire. Andiamo quindi ad approfondire l’argomento!

Orgasmo cerebrale: cos’è e come funziona?

L’orgasmo celebrale, paragonato al piacere del ‘cervello’, è meglio conosciuto con il suo acronimo ASMR (Autonomous sensory meridian response), ma contrariamente a quanto pensato non ha nulla a che vedere con il piacere sessuale collegato ai diversi apparati genitali femminili e maschili. L’orgasmo cerebrale comporta una lieve sensazione di formicolio che parte dal cuoio capelluto e si espande lungo il resto del corpo, paragonabile ad una scossa elettrica in grado di provocare un piacere del tutto simile a quello sessuale.

La sigla ASRM viene pubblicata per la prima volta nel 2010 all’interno del gruppo social network Facebook ‘Autonomous Sensory Meridian Response’, ma la fondatrice del significato all’origine dell’orgasmo cerebrale è in realtà Jennifer Allen. La traduzione dell’acronimo ASRM porta ad una ‘risposta autonoma del meridiano sensoriale’, una metafora che indica il raggiungimento dell’orgasmo in forma del tutto psichica.

L’orgasmo cerebrale provoca una lieve sensazione di scossa o formicolio che si estende dall’encefalo lungo la schiena e si irradia in ogni parte del corpo. Il piacere generato viene paragonato ad un profondo senso di benessere mentale, odiernamente non comprovato da prove scientifiche.

Come raggiungere un ASMR?

Come si raggiunge un orgasmo cerebrale? In realtà la domanda corretta è: quali eventi possono originarlo? L’orgasmo cerebrale sembra poter essere raggiunto durante semplici stimoli e attività quotidiane e possono coinvolgere tutti i diversi sensi dalla vista, al tatto, all’olfatto, all’udito. A scatenare un ASMR può essere un rumore, un fruscio, il tocco dei capelli, un massaggio alla testa e via elencando.

Tale pratica ha riscosso un grande successo soprattutto sul web dove si possono trovare moltissime community sotto la denominazione di ricerca in ‘ASMR artists o ASMR whisperers’. Al riguardo si possono trovare diversi video, brani musicali dedicati allo stimolo delle percezioni sensoriali e testimonianze. L’orgasmo cerebrale esiste e può essere raggiunto veramente? C’è chi afferma che sia proprio così, ma non è possibile dimostrarlo a livello scientifico. Non resta che provare!