Guida alla masturbazione: tutto quello che c’è da sapere e tecniche più usate

La masturbazione è una pratica definita ‘auto-erotica’ che interessa sia gli uomini che le donne. Nello specifico con la masturbazione si vanno a sollecitare gli organi sessuali, comprese eventuali altre parti del corpo, allo scopo di raggiungere l’orgasmo e provare piacere. In passato la masturbazione rappresentava uno dei tanti tabù sessuali, soprattutto in riferimento alle donne. Ma quali sono le tecniche più utilizzate e che cosa c’è da sapere sulla masturbazione? Andiamo ad affrontare insieme l’argomento in questa nuova guida.

Masturbazione: tutto quello che c’è da sapere

La masturbazione, come già accennato, è una pratica auto-erotica utilizzata singolarmente, oppure in coppia, per raggiungere l’orgasmo e conoscere se stessi attraverso la stimolazione degli organi sessuali. Le prime testimonianze nella storia sulla masturbazione risalgono a circa 28 mila anni fa, con il ritrovamento di un fallo di pietra all’interno della caverna di Hohle Fels, in Germania.

La visione più negativa della masturbazione venne diffusa a inizio del Settecento in capo medico, analizzata positivamente soltanto agli albori del Novecento grazie alla nascita della sessuologia. Con la terminologia ‘masturbazione’ si indica la stimolazione degli organi sessuali come il pene, i testicoli, la vulva, il clitoride, i capezzoli e l’ano tramite pressione, oppure l’utilizzo di oggetti.

Tecniche di masturbazione

La masturbazione viene spesso intesa come una pratica di auto-erotismo singola, oppure come una forma preliminare di coppia prima di passare al rapporto sessuale vero e proprio. La masturbazione reciproca di coppia è un modo per incrementare il piacere e viene denominata più comunemente ‘petting’. Nella masturbazione rivolta al proprio partner la donna stimola l’organo sessuale maschile tramite il contatto con le mani, la bocca, oppure altre parti del corpo. Allo stesso modo anche l’uomo può utilizzare le mani, la bocca, oppure altri oggetti come i sex toys verso la propria partner.

La masturbazione può essere protratta fino al raggiungimento dell’orgasmo oppure interrotta per passare all’atto sessuale vero e proprio. L’auto-erotismo maschile viene eseguito, successivamente all’erezione, stringendo il pene all’interno di una mano chiusa a pugno, lasciata scivolare ad intensità differenti sull’intero organo fino al raggiungimento dell’orgasmo e dell’eiaculazione. L’auto-erotismo femminile prevede invece la stimolazione e lo strofinamento del clitoride, utilizzando spesso le dita per penetrare la vagina.

La masturbazione femminile e maschile può essere prolungata, con costanza, concentrazione e piena conoscenza di sé, fino al raggiungimento dell’orgasmo. Quando si parla di tecniche di coppia, oltre alla masturbazione tradizionale, la donna può stimolare il piacere dell’uomo attraverso la bocca e lingua, sia sul pene che sui testicoli, oppure servirsi di altre tecniche come la masturbazione con i piedi, la classica spagnola.

D’altro canta l’umo può stimolare il clitoride femminile servendosi della lingua e della bocca, ma anche delle dita per la penetrazione vaginale e anale a seconda dei gusti e del grado di confidenza reciproca. L’utilizzo di oggetti estranei, come i sex toys, possono stimolare non soltanto il piacere fisico ma anche la reciproca fantasia.