Dita nel culo: consigli da seguire per il piacere anale

Il piacere anale non rappresenta più un tabù come avveniva negli anni precedenti. E’ possibile provare piacere sia attraverso il sesso anale, sia attraverso la masturbazione anale grazie all’utilizzo delle dita. Le pratiche anali necessitano di alcuni consigli, soprattutto per i meno esperti. Come mettere le dita nell’orifizio anale nel modo corretto? In questa nuova guida ci occuperemo proprio di questo! Prosegui la lettura per conoscere tutti i dettagli.

La masturbazione anale

Prima di arrivare al sesso anale è importante stimolare la parte servendosi della lingua, ma anche delle dita. Questa forma di piacere si adatta ai desideri femminili, ma anche maschili, purché venga eseguita nel modo più corretto possibile. Per arrivare alla masturbazione anale occorrono diversi preliminari, la giusta intimità e complicità e l’eventuale supporto di lubrificanti a base di acqua.

Oltre ai metodi citati si possono utilizzare anche dildo anali e versioni a doppia penetrazione per aumentare il piacere. Prima di passare alla penetrazione anale è importante seguire tutte le norme igieniche dedicate al caso, concentrandosi in un primo momento sull’orgasmo più tradizionale, in modo tale da ottenere una maggiore lubrificazione naturale e un aumento del desiderio.

Come primo step consigliamo di approcciarsi all’ano lubrificandolo il più possibile con la lingua, oppure con l’impiego del lubrificante, onde evitare spiacevoli sensazioni di dolore e irritazioni o lesioni cutanee. L’ano è un’area ricca di terminazioni nervose e, maggiormente ci si dimostra rilassati e lubrificati, può apportare una notevole sensazione di piacere. Alle prime armi è preferibile utilizzare soltanto un dito, cercando di continuare a stimolare anche il clitoride femminile, oppure il pene nel cosa di un umo.

Metodo per utilizzare le dita nel culo

I preliminari anali si dimostrano fondamentali per raggiungere lo step successivo, rappresentato dal sesso anale vero e proprio. Le dita nel sedere possono dimostrarsi estremamente eccitanti e preparare l’area alla penetrazione, senza associare alla pratica pensieri negativi. Dopo la lubrificazione necessaria si può introdurre un dito all’interno dell’ano effettuando un movimento lento e delicato.

Il movimento deve variare a seconda della situazione e del grado di eccitazione. Progressivamente si può quindi aumentare la velocità del movimento, presentando sempre attenzione a rispettare i desideri altrui. Una volta acquisita la pratica necessaria si può passare alla penetrazione anale per mezzo di due dita. Anche in questo caso si rende opportuno procedere con lentezza e cautela, evitando le unghie lunghe in grado di provocare lesioni all’interno dei tessuti delicati dell’ano.