Come leccare il clitoride: esempi e tecniche da seguire per il massimo piacere

Il clitoride è il punto sessuale più strategico per una donna. In passato si tendeva a suddividere l’orgasmo femminile vaginale da quello tiroideo, mentre ad oggi sappiamo che per raggiungere il massimo piacere è necessario concentrarsi sulla stimolazione del clitoride. Come leccarlo nel modo corretto? Prosegui la lettura per apprendere tutti i consigli e tecniche da seguire!

Clitoride: dove si trova?

Il clitoride femminile si trova nell’area superiore della vagina, nell’intersezione compresa tra le grandi e le piccole labbra. Per trovarlo è sufficiente cercare una piccola sporgenza all’interno dell’area appena descritta. Dal punto di vista anatomico il clitoride si differenzia per forma e dimensioni più o meno pronunciate oppure nascoste a seconda della donna. Esteticamente il clitoride si presenta come un corpo erettile di piccole dimensioni, in grado di raggiungere 1 centimetro di lunghezza nella sua parte esterna visibile e fino a 10 centimetri di lunghezza nella sua parte meno visibile, dividendosi in due lembi dai 3 ai 6 centimetri.

Grazie alla stimolazione del clitoride la maggior parte delle donne riesce a raggiungere l’orgasmo e il massimo del piacere in pochi minuti. Il modo migliore per approcciarsi a questa parte delicata del corpo è quello di compiere movimenti delicati e circolari con le dita, oppure con la bocca e il supporto della lingua. 

Tecniche e consigli per leccare il clitoride

Per approcciarsi al clitoride di una donna e alla masturbazione orale occorre procedere per gradi e tentativi. Ogni donna vive il piacere in modo differente e il raggiungimento dell’orgasmo clitorideo non fa differenza. Potrebbero dimostrarsi tempi brevi, oppure più lunghi a seconda dell’eccitazione e del grado di intimità instaurato. Il modo migliore per leccare il clitoride è quello di avvicinarsi al corpo eretto con delicatezza, utilizzando sia le dita, sia la punta della lingua. 

I polpastrelli delle dita devono compiere dei movimenti circolari, più o meno accentuati a seconda del piacere arrecato, servendosi della punta della lingua alternata alla penetrazione vaginale. Oltre alla punta della lingua si possono usare anche le labbra, succhiando il clitoride, alternando sempre i movimenti delle dita a quelli della lingua. L’alternanza appena descritta si dimostra particolarmente eccitante per il piacere massimo femminile.

Una delle posizioni più stimolanti per leccare il clitoride è quella classica del missionario, ma anche la posizione del cucchiaio purché ci sia abbastanza spazio per dedicarsi alla pratica orale. Il sesso orale sul clitoride può essere eseguito anche nella posizione fetale, nella posizione della forbice, la posizione dell’amazzone e la posizione del loto.